Il ministro Bonisoli blocca il progetto di ampliamento di Palazzo dei Diamanti di Ferrara.

Per una volta una buona notizia.
Costruito a partire dal 1493 per conto di Sigismondo d’Este, Palazzo dei Diamanti deve il suo nome alle migliaia di piccole piramidine a forma di diamante che ornano le sue facciate. Considerato tra le principali e più rappresentative costruzioni del Rinascimento Italiano ospita oggi al suo interno la  Galleria Comunale d’Arte Moderna, posta al piano terreno, e la Pinacoteca Nazionale, posta al piano nobile.

palazzo dei diamanti ferrara

In questi giorni i riflettori mediatici si sono accesi su questo splendido capolavoro architettonico del nostro passato innescando una serie di riflessioni e dibattiti in merito di cui credo abbiamo un gran bisogno.

Sono nettamente contraria ai così detti “ampiamenti nel nome della modernità contro la mummificazione dei centri storici”, leitmotiv sbandierato da molti architetti contemporanei. Personalmente sono perentoriamente contraria, integralisticamente contraria davanti a tutti i pezzi del nostro patrimonio storico che ho visto e vedo deturpati da architetti presuntuosi, arrivisti e arroganti in nome di una presunta modernità.

Il progetto previsto per l’ampliamento di Palazzo Diamanti, vincitore del concorso indetto dal Comune di Ferrara, non mi piace, ma in generale detesto tutta questa architettura di metallo e grandi vetrate dove privacy e raccoglimento sono stati d’animo negati. Ma ancor di più questa nuova struttura, che dovrebbe fungere da collegamento protetto tra le due Ali dell’antica fabbrica oggi separate dal giardino, accostata al monumento rinascimentale non dialoga affatto, come invece i sostenitori vogliono far intendere, ma anzi si intromette visivamente con invadente arroganza alterando la percezione visiva del palazzo stesso, la rilassante armonia creata dal suo design rinascimentale e dall’interazione di esso con il parco circostante.

palazzo_diamanti_3ti_labics_00_scale_600x300

Il progetto vincitore di 3TI PROGETTI Labics arch. Elisabetta Fabbri e Vitruvio s.r.l.

palazzo-diamanti-3ti-labics-05

Il progetto vincitore di 3TI PROGETTI Labics arch. Elisabetta Fabbri e Vitruvio s.r.l.

Li chiamano “punti di vista”, “prospettive” appunto, falsate, non adeguate al contesto e giustamente limitate e addirittura bocciate dal neo ministro ai Beni Culturali Alberto Bonisoli che ne crea un caso giuridico senza precedenti facendo intendere anche che questo governo ha una visione più conservativa rispetto alle amministrazioni precedenti dando linee di indirizzo a tutte le Soprintendenze in questo senso. E se il Consiglio Nazionale degli Architetti, favorevole al progetto, a gran voce afferma che “l’intera Italia dei capolavori è il frutto di interventi successivi, stratificazioni, sovrapposizioni insomma del divenire della storia e delle epoche sui palazzi, i territori e i luoghi” non tiene conto delle varie specificità di questi interventi che andrebbero meglio analizzati caso per caso perché furono molte le ricostruzioni post belliche, su precedenti fatiscenti casupole, o in contesti di ristrutturazione urbanistica come fu quella, per fare un esempio, del neoclassicismo milanese. E laddove anche fosse, non è lecito porsi con atteggiamenti più lungimiranti rispetto a quelli del passato? Né va scodato l’aspetto monetario in un paese come il nostro che tende a speculare in ogni dove, avido di suddividersi il bottino. Euro 3,5 milioni il costo del progetto che a ragion di cronaca prevede anche il restauro di alcune parti dell’antica fabbrica. Eppure dietro l’angolo pare ci sia Palazzo Prosperi-Sacrati anch’esso costruito a partire dal 1493 che oggi versa in stato di abbandono. Ebbene lasciamo marcire un monumento di questo stampo per costruire una minchiata moderna?

_palazzo_prosperi_sacrati

Mi dispiace molto per i progettisti e per tutte le persone che avrebbero dovuto partecipare ai lavori previsti a partire da giugno di quest’anno, ma una brusca frenata in tal senso era necessaria e sono pienamente d’accordo.

Paola Mangano

Le carte del Ministero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...