Manifesti e affiches del Maggio francese (1968)

14 maggio 1968: la Scuola Superiore di Belle Arti di Parigi è occupata. Al suo interno gli studenti si radunano in assemblee per riorganizzano la scuola che prende il nome di Atelier Populaire. Questo periodo è caratterizzato da una reale organizzazione, necessaria alla produzione in massa di manifesti. Le prime assemblee definiscono i nuovi orientamenti…

Architettura e monumenti: un dibattito falsato

Ribloggato da wumingfoundation in “Predappio Toxic Waste Blues. Terza e ultima puntata” Le polemiche sull’architettura e i monumenti del ventennio sono sempre più frequenti e ravvicinate. Tali “sfoghi” sono certamente sintomi della cattiva coscienza — e cattiva memoria —  nazionale, ma sono anche parte di un processo di ridefinizione post-novecentesca e post-coloniale della memoria che sta investendo…

OTPOR – Rivoluzioni colorate

Cos’è l’Otpor?   Nel 1998 un gruppo di studenti universitari di Belgrado, attivi contro il governo di Slobodan Milosevic, fondò un movimento di protesta civile. Il gruppo si chiamò “Otpor” (resistenza) e acquistò forma e consensi durante i bombardamenti Nato del 1999 in Yugoslavia, iniziando una campagna politica e mediatica contro il leader serbo, facendo uso di azioni dimostrative e non…

COME DIFENDERSI DAGLI OPERATORI OCCULTI Le leggi della manipolazione

Purtroppo numerosi operatori del benessere, spesso al servizio delle élite dominanti, attivano programmi mentali devastanti con l’intento di sottomettere le persone distraendole dai veri percorsi di evoluzione. Vediamo insieme, per riconoscerle, tutte le tecniche di manipolazione. di Antonio Pala Da oltre trent’anni mi occupo di ben-essere e di evoluzione, dedicando tutto il mio tempo e le…

MARIO SAVIO E IL FREE SPEECH MOVEMENT

Quella che sto ripercorrendo a tappe, dagli anni ’50 in poi, possiamo considerarla storia recente. Eppure per la maggior parte di noi è storia sconosciuta. Come questa di Mario Savio, figlio di emigrati siciliani, che negli Stati Uniti innescò la miccia delle contestazioni studentesche di un’intera generazione occidentale. Alla mia domanda “Perché studiamo la storia?”…