Il ministro Bonisoli blocca il progetto di ampliamento di Palazzo dei Diamanti di Ferrara.

Per una volta una buona notizia. Costruito a partire dal 1493 per conto di Sigismondo d’Este, Palazzo dei Diamanti deve il suo nome alle migliaia di piccole piramidine a forma di diamante che ornano le sue facciate. Considerato tra le principali e più rappresentative costruzioni del Rinascimento Italiano ospita oggi al suo interno la  Galleria…

MANIFESTO DELLA FRAGILITÀ

Prendere coscienza della propria fragilità penso sia diventato un sentire comune che travalica le paure e le difficoltà momentanee individuali divenendo una caratteristica dell’uomo contemporaneo, un sentore che ci accomuna tutti, una specie di condizione universale del genere umano. Pur risiedendo in noi da sempre, le nostre fragilità si rivelano oggi amplificate dalle condizioni sociali che…

Guerra, social e web archiving

LOST MEMORIES Teaser from Francois Ferracci on Vimeo.   La complessità dell’informazione, l’intensità della testimonianza, e il consolidamento della memoria sono oggi, consapevolmente o meno, generati e garantiti dalla percezione e dalla natura comunicativa. Cosi accade che in un angolo liquido del web, sui social media, l’attivista Mojahed Abu Joud (uno fra i molti) riferisce…

Manifesti e affiches del Maggio francese (1968)

14 maggio 1968: la Scuola Superiore di Belle Arti di Parigi è occupata. Al suo interno gli studenti si radunano in assemblee per riorganizzano la scuola che prende il nome di Atelier Populaire. Questo periodo è caratterizzato da una reale organizzazione, necessaria alla produzione in massa di manifesti. Le prime assemblee definiscono i nuovi orientamenti…

OTPOR – Rivoluzioni colorate

Cos’è l’Otpor?   Nel 1998 un gruppo di studenti universitari di Belgrado, attivi contro il governo di Slobodan Milosevic, fondò un movimento di protesta civile. Il gruppo si chiamò “Otpor” (resistenza) e acquistò forma e consensi durante i bombardamenti Nato del 1999 in Yugoslavia, iniziando una campagna politica e mediatica contro il leader serbo, facendo uso di azioni dimostrative e non…

MARIO SAVIO E IL FREE SPEECH MOVEMENT

Quella che sto ripercorrendo a tappe, dagli anni ’50 in poi, possiamo considerarla storia recente. Eppure per la maggior parte di noi è storia sconosciuta. Come questa di Mario Savio, figlio di emigrati siciliani, che negli Stati Uniti innescò la miccia delle contestazioni studentesche di un’intera generazione occidentale. Alla mia domanda “Perché studiamo la storia?”…

IL MESSAGGIO DEI BEATNIKS DI ITALO CALVINO

Le pagine degli scrittori e dei poeti [della beat generation] – come Jack Kerouac e Allen Ginsberg – hanno in sé tutto quanto si può immaginare di più contrario alle mie preferenze e di più insopportabile per i miei gusti. Una scrittura sovrabbondante, informe, terrosa, un flusso verbale tutto lirico ed esclamativo che cerca di…

Dai beatnik agli hippy

Alla beat generation mancò quello spirito eversivo proprio delle avanguardie storiche. Dietro i loro atteggiamenti provocatori, non c’era la volontà ideologica di cambiare il sociale, ma solo il distacco e la fuga dai modelli societari. Reagivano con “l’assenza, ” una particolare categoria dello spirito, in cui coesisteva la fuga, il viaggio e il nomadismo. I…

L’architettura dei loculi

Prima è toccato alla sepoltura dei morti. Ben resto toccherà a quella dei vivi. L’architettura ha assunto linee talmente essenziali da rendere superflua persino la vita all’interno di essa. Sì, linee essenziali, nessun timore di incorrere in un benché minimo decorativismo ma solo una sorta di nudità formale di linee e di spazi. Essenziale, pare…